What a Brownie!

Brownie al cioccolato vegan, gluten free e lactose free .... ma sopratutto con un ingrediente speciale!


Avevo già raccontato della mia passione per le patate dolci. Buonissime ed estremamente versatili in cucina. Mi piace farle spesso a cubetti o a rondelle, marinarle con olio e spezie a piacere, curcuma, pepe, zenzero o paprica dolce, in forno a 200 gradi e via, contorno goloso pronto!

Oppure utilizzarle in preparazioni più complesse, come la ricetta degli gnocchi che trovate QUI.


Oltre ad essere buone, le patate dolci sono ricche di proprietà:

  • ricche di minerali tra cui magnesio, potassio, calcio, manganese e fosforo

  • Vitamine soprattutto A, B6 e C

  • ricche di fibre

  • antiossidanti

  • hanno indice glicemico più basso delle comuni patate

  • la buccia riduce colesterolo e trigliceridi


Questa volta l'ho usata come base per i miei Brownie al cioccolato. La loro consistenza è perfetta per amalgamare gli impasti e il loro sapore tendente al dolce non altera il gusto del preparato.




INGREDIENTI

  • 400 g patate dolci cotte

  • 200 g Banana (circa una media)

  • 100 g zucchero di cocco

  • 130 g farina di avena

  • 120 ml latte vegetale

  • 50 g di cacao amaro

  • 50 g semi di canapa

  • 6 g lievito per dolci

Piccola nota: avevo pochissimo cacao amaro, circa 15 gr, ho quindi aggiunto 20 gr di cioccolato fondente al 78%


Cuocere le patate al forno a 200°C, si possono cuocere con la buccia (dopo averla ben lavata) oppure già spellata ma consiglio nel caso, di cuocerla al cartoccio con carta stagnola o con carta argentata, in modo da evitare che si formi uno strato di pellicina che renderebbe fastidioso schiacciarle.


Portare il forno a 180°C, nel frattempo tritare con un macinino o un cutter i semi di canapa e lo zucchero di cocco in modo da creare una polvere. Unire tutti gli ingredienti secchi, il latte vegetale, le patate e la banana già ben schiacciata. Per omogeneizzare il tutto possiamo aiutarci con un mixer.


Versare il composto in uno stampo da plumcake imburrato e infarinato (io ho usato burro di cocco e farina di riso), cuocere per 40 min, fare il controllo dello stecchino, deve rimanere morbido e leggermente umido. Nel caso, continuare la cottura per altri 10 minuti.

Una volta cotto, lasciarlo raffreddare per almeno mezz'ora prima di toglierlo dallo stampo.

Consiglio di lasciarlo in frigo per almeno una notte prima di mangiarlo..... il giorno dopo è ancora più buono.

E' decisamente ideale per la prima colazione o per merenda accompagnato da un tè.

E' un dolce non dolce, specialmente se utilizzate il cioccolato fondente, quindi potete giocare con la glassa che gli farà anche da salsa di accompagnamento.


Io ho un modo molto semplice per realizzarla, utilizzate un cucchiaio di crema a base di frutta secca che maggiormente preferite (mandorla, arachidi, mandorla e cocco, pistacchio...), un cucchiaio di cacao amaro o orzo solubile (a seconda della caratterizzazione che più vi piace), un cucchiaio scarso di miele o sciroppo d' acero e aggiungete acqua poco alla volta, fino ad ottenere la consistenza desiderata.


Enjoy it.......

28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti